A Roma, presso Palazzo Venezia, nelle sale del Refettorio Quattrocentesco, fino al prossimo 16 febbraio, sarà possibile visitare la mostra dedicata all’epoca della dinastia Han (206 a.C. – 220 d.C.) attraverso i tesori provenienti dalle tombe rinvenute a Mawangdui, nella città di Changsha (capoluogo dell’attuale provincia dello Hunan, nella Cina meridionale). È la prima volta che in Italia si organizza una mostra di questo genere e si tratta quindi di un’occasione da non perdere assolutamente.

I tesori esposi sono conservati presso il Museo provinciale dello Hunan in Cina. Ma questa volta sono proprio in Italia. sono ben 76 i pezzi esposti nella mostra italiana. Perlopiù si potranno vedere lacche, manufatti tessili, manoscritti e dipinti su seta.
L’evento è stato curato dalla professoressa Zhen Shubin ed ha il patrocinio del Ministero della Cultura della Repubblica Popolare Cinese, dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia insieme al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo della Repubblica Italiana (MiBACT). È stata organizzata dalla State Administration of Cultural Heritage della Repubblica Popolare Cinese (SACH), dalla Direzione Generale per la valorizzazione del patrimonio culturale del MiBACT, dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Roma, in collaborazione con l’Amministrazione provinciale dello Hunan.

Inoltre l’esposizione si colloca nell’ambito del Memorandum d’Intesa sul Partenariato per la Promozione del Patrimonio Culturale siglato il 7 ottobre 2010 tra il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo della Repubblica Italiana e la State Administration of Cultural Heritage della Repubblica Popolare Cinese.

Per tutte le informazioni, consultare il sito web: http://museopalazzovenezia.beniculturali.it/